cultura, politica, tecnologie, economia, lavoro, scienze, società Principio dei vasi comunicanti - Modello recessivo | BONFICOMARCO | blogpdnetwork
.
Annunci online

SOSTENIBILITA' SISTEMA PAESE

2 dicembre 2011
Principio dei vasi comunicanti - Modello recessivo
            PRINCIPIO DEI VASI COMUNICANTI

Modello Recessivo



Tenendo conto del quadro in oggetto e le interazioni politico economiche conseguenti che determinano le cause portanti ai piani inclinati del declino sociale espongo brevemente i capisaldi o nodi relativi.



Lo sviluppo armonico o la decadenza sia di una città, territorio, Stato viene a determinarsi nel momento che il collante sociale prende strade alternative.



I primi capisaldi o nodi sono le immigrazioni e emigrazioni (popolazione – industrie) che con le loro scelte di convenienza si insediano su un determinato territorio.



Il secondo sono le scelte scolastiche e politiche che influenzano i primi con parametri di raffronto:

costi – benefici.



Ma il parametro complessivo che qualifica o squalifica (piani inclinati) la sostenibilità dei passaggi intermedi sono i mercati economici che non tengono conto dei periodi medio – lunghi necessari al mantenere in equilibrio i bisogni conseguenti.



Pertanto la concatenazione di effetti a cascata determinano il quadro generale.



Problema Italia



Lega Nord – attacco ingiustificato agli extracomunitari che di fatto con il 10% della popolazione sostengono le nascite (1,4 coppia) e l'immigrazione (lavori rifiutati).



PDL – nel periodo di presenza sul fronte politico hanno distrutto con scelte antieconomiche per la nazione tra cui appoggio completo al trasferimento di aziende fuori dal territorio e alla riforma scolastica senza definire modelli formativi adeguati ai bisogni reali-



Politica inconcludente e incompetente (nessuna formazione) nei piani generali di supporto interno – esterno, bisogna aggiungere che il rimanere oltre due mandati nei governi da atto all'infiltrazione di malaffare (Mafia, Camorra e Ndrangheta).



Diamo alcuni numeri, la pressione fiscale è stata nel 2010 del 43,4% mentre il nostro risparmio è diminuito al 5% quando nel 2009 era del 6,5%.



La scuola che era a prescindere nelle elementari e medie sopra la media europea è crollata per incapacità di mantenere in loco copertura completa dei cicli con conseguente perdita di continuità di apprendimento.



Per quanto riguarda il lavoro sembra che siamo stacanovisti in quanto la nostra media è di 1773 ore annue contro le 1554 dei Francesi e le 1390 dei Tedeschi.



L'allargamento della disoccupazione al 8,5% mese di ottobre mentre è al 37,8% il tasso di inattività, i giovani sono al 29,2%, non contando le cessazioni di attività industriali.



All'estero vi sono nazioni che stanno bloccando il rimpatrio dei capitali.



La soluzione è semplice: eliminazione di tutte le figure politiche non pertinenti al governo concreto degli Enti: Comuni, Regioni e Parlamento.

Ripristino della credibilità e funzionalità della Pubblica Amministrazione che di fatto gestisce le leggi promulgate senza capo ne coda con persone giovani con Leggi e Regolamenti omogenei territorialmente comprensibili e responsabilità consapevole (diritti – doveri).


Basiano 2 dicembre 2011



Marco Bonfico




sfoglia novembre        gennaio